Ocse: ascesa populismi rischio per crescita Eurozona

Un evento politico negativo come l’ascesa di partiti populisti in alcuni alcuni Paesi dell’area euro, associato all’architettura incompiuta dell’Eurozona, potrebbe portare ad un ripido aumento della ridenominazione del rischio e alla perdita di accesso al mercato per alcuni debiti sovrani della zona euro”: lo scrive l’Ocse nell’ultimo rapporto sulla zona euro a proposito dei rischi che pesano sulle prospettive di crescita. Anche l’aumento di misure protezioniste è segnalato tra i rischi.

La disoccupazione – ha detto il segretario generale dell’Ocse Angel Gurria – è sotto i livelli pre-crisi, la ripresa si è rafforzata”, ma i miglioramenti sono “ancora fragili e l’elevata disoccupazione ancora presente in alcuni Paesi ha spinto il sostegno ai partiti anti-Ue”.

Quindi il rapporto Ocse si concentra anche sulla situazione economica. “Una più rapida soluzione sull’alto livello di crediti deteriorati in diversi Paesi sarebbe cruciale per facilitare lo sviluppo del credito e la trasmissione della politica monetaria. Anche se in discesa, sono sempre alti in alcuni Paesi colpiti dalla crisi. In Italia al momento sono più alti che in Irlanda”, scrive l’Ocse. “Un’accelerazione della soluzione agli npl è la chiave per espandere il credito bancario”, visto che l’alto livello è ancora un “problema per la stabilità finanziaria”.

Sign up for our Newsletter

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit