Le Camere danno l’ok al Def. Imperativo stop aumento Iva

Il Parlamento ha dato via libera al Def, approvandolo sia alla Camera che al Senato. A palazzo Madama i voti favorevoli sono stati 166, 127 quelli contrari, gli astenuti 6. gli astenuti.

Il testo approvato al Senato, ricalca in toto il testo su cui si è pronunciata la Camera. Il testo prevede sia lo stop dell’aumento dell’Iva sia l’impegno a rivedere i saldi di bilancio del triennio 2019-2021 individuando gli interventi necessari per attuare il programma di governo.

La maggioranza impegna il governo “ad assumere tutte le iniziative per favorire il disinnesco delle clausole di salvaguardia inerenti l’aumento dell’aliquota Iva e delle accise su benzina e gasolio” e “a individuare misure da adottare nel 2018 nel rispetto dei saldi di bilancio”. E’ quanto ha affermato il relatore M5s, Federico d’Inca, illustrando i contenuti della risoluzione di maggioranza sul Def nell’Aula della Camera.

La maggioranza, inoltre, impegna il governo “a riconsiderare in tempi brevi – ha aggiunto D’Incà – il quadro di finanza pubblica nel rispetto degli impegni europei per quanto riguarda i saldi di bilancio del triennio 2019-2021”. “Sarà d’obbligo – ha concluso – impostare in Europa un dialogo nuovo nelle sedi opportune così da ottenere regole di bilancio più flessibili e spazi maggiori per le spese produttive”.

Sign up for our Newsletter

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit