Pensioni, Intesa Sp finanzia l’Ape: può partire

Arriva, finalmente, il momento dell’Ape volontaria. Con l’intervento di Intesa Sanpaolo, si sblocca la procedura per le domande.  La banca guidata da Carlo Messina finanzierà il prestito a garanzia pensionistica: è il primo istituto di credito a sostenere le richieste di Ape dei lavoratori che, compiuti 63 anni e con un minimo di 20 anni di contributi, vogliano uscire prima dal lavoro avendo un reddito ponte fino alla pensione. Da oggi quindi si possono fare le domande sul sito Inps. E’ la stessa banca a spiegare  le modalità di accesso. “Il finanziamento si configura come un reddito ponte con una durata massima di 43 mesi, che Intesa Sanpaolo verserà al richiedente fino a quando non inizierà a percepire la pensione di vecchiaia. L’importo mensile viene stabilito dal richiedente in funzione di quella che sarà la sua futura pensione. Il tasso, fisso dal momento dell’erogazione, è uguale per tutto il sistema bancario: è regolamentato dall’accordo quadro e viene aggiornato ogni due mesi dall’Abi. L’Ape prevede una detrazione fiscale fino al 50% della quota interessi e della copertura assicurativa. Quest’ultima è obbligatoria e viene prestata da una Compagnia terza tutelando gli eredi in caso di premorienza. La durata del prestito è fissata in 20 anni, ma è possibile richiederne l’estinzione anticipata parziale o totale”. Intesa Sanpaolo, spiega Stefano Barrese, responsabile della Banca dei Territori, è riuscita a far fronte in tempi molto stretti ad una urgente esigenza sociale ovvero la disponibilità del finanziamento, mezzo indispensabile per accedere all’Ape”.

Sign up for our Newsletter

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit