Def, Gentiloni pensa a un rinvio di 2-3 settimane

La presentazione del Documento di economia e finanza potrebbe slittare di 2 o 3 settimane. E’ l’ipotesi che avrebbe avanzato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nel corso di contatti con i Presidenti delle Camere e i leader dei principali partiti. Una dilazione che potrebbere coinciderebbe con i tempi di formazione del nuovo governo.

Se la crisi si protraesse oltre, Gentiloni presenterebbe invece un Def a politiche invariate. La possibilità di un rinvio limitato nel tempo – osservano fonti di palazzo Chigi – sarebbe stata accordata dalla Commissione Europea anche sulla base di analoghi precedenti di coincidenza tra la scadenza del Def e cambiamenti di governo in singoli paesi membri dell’Unione.

Come infatti è noto, il Def  deve essere presentato entro il 10 aprile. Successivamente va trasmesso a Bruxelles, normalmente dopo l’approvazione in Parlamento delle relative risoluzioni, entro il 30 aprile. Entro quella data infatti il Programma di stabilità e il Programma nazionale di riforma, contenuti nel Documento, devono essere inviati dal Governo alla Commissione europea. Il Programma di stabilità contiene le previsioni economiche e di finanza pubblica per il prossimo triennio. Il Programma nazionale di riforma contiene lo stato di avanzamento delle riforme avviate, gli squilibri macroeconomici nazionali e i fattori che incidono sulla competitività

Sign up for our Newsletter

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit